La Primula Palinuri - il fiore simbolo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Il logo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Le ciaramelle

Il territorio del Parco Nazionale del CilentoLe aree protette del Parco Nazionale del CilentoI musei del Parco Nazionale del CilentoSiti Archeologici del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di DianoItinerari del Parco nazionale del CilentoFlora del Parco Nazionale del CilentoFauna del Parco Nazionale del CilentoFigli e ospiti illustri del CilentoStoria del Parco Nazionale del CilentoMiti e leggende del Parco nazionale del CilentoProdotti tipici del CilentoRicette del CilentoTradizioni del Parco Nazionale del Cilento

Struffoli

struffoli

 

 

Gli struffoli sono il tipico dolce di Natale della antica tradizione campana e cilentana

 

 

 

 

 

 

Difficoltà: difficoltà media

 

 

Ingredienti:


1 kg. di farina di grano tenero

6 uova

un bicchiere di olio extravergine d'oliva

7 cucchiai di zucchero

la buccia grattuggiata di due limoni

un liquore aromatico (normalmente il rosolio)

1 kg di miele

200 gr di mandorle

 

Preparazione:


Sistemare la farina a mo' di ciambella e versarvi le uova, l'olio, lo zucchero (5 cucchiai circa), il liquore e la buccia grattugiata di un limone quindi impastare il tutto fino a quando la pasta non attacca più (quando la pasta attacca è necessario continuare a lavorarla evitando di aggiungervi farina pena la mancata "crescita" degli struffoli durante la friggitura). Quando l'impasto è pronto stenderlo a forma di maccheroni e tagliare questi a dadini appena un po' più grandi di un nocciolo di ciliegia. Friggere l'olio o lo strutto e solo dopo aver tolto la pentola dalla fiamma aggiungere gli struffoli che saranno cotti non appena dorati. Versare il miele e 2 cucchiai di zucchero in un tegame di creta insieme alla buccia di limone rimasta ed alle mandorle tostate e pestate col mortaio; quando il miele sarà biondo immergervi tutti gli struffoli rigirandoli sul fuoco per farli amalgamare.

 

 

Note:

Gli struffoli prendevano la forma desiderata a seconda della persona che li riceveva in dono: potevano essere dei cuori se donati ai fidanzati; dei "ninnoli" se erano destinati ai più piccoli; i "tortani" invece, a forma di ciambella disposta su un piatto, venivano consumati a pranzo

Condividi questo articolo:

Prossimi eventi

0razio Lembo . 22 Novembre 2012
In occasione del Natale 2012 torna puntuale "Mercatoinfesta", Mostra Mercato di artigianato e di sap...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
La Sagra del Fagiolo fa emergere dal passato le antiche taverne e con esse i personaggi caratteristi...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
Lungo le vie del suggestivo centro storico di Perito, un unico e intenso profumo di pietanze tipiche...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
La Transmarathon è una corsa estrema a tappe sui sentieri e sulle strade del Parco Nazionale del ...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
Durante la seconda guerra mondiale, tra il 28 ed il 29 marzo 1941 nelle acque a sud del Peloponneso,...