La Primula Palinuri - il fiore simbolo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Il logo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Le ciaramelle

Il territorio del Parco Nazionale del CilentoLe aree protette del Parco Nazionale del CilentoI musei del Parco Nazionale del CilentoSiti Archeologici del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di DianoItinerari del Parco nazionale del CilentoFlora del Parco Nazionale del CilentoFauna del Parco Nazionale del CilentoFigli e ospiti illustri del CilentoStoria del Parco Nazionale del CilentoMiti e leggende del Parco nazionale del CilentoProdotti tipici del CilentoRicette del CilentoTradizioni del Parco Nazionale del Cilento

Pasticelle

pasticelle

 

 

Dolci ripieni di purea di castagne tipico del Cilento che viene preparato in occasione delle festività natalizie.

 

 

 

 

 

Difficoltà: difficoltà media

 

 

Ingredienti:


Per la sfoglia:

1 kg. di farina

quattro uova piccole

un cucchiaio di zucchero

un pizzico di sale

una bustina di Pane degli Angeli

un bicchiere di olio extravergine d'oliva

vino spumante quanto basta per amalgamare l'impasto

 

Per la farcitura:

500 gr. di mandorle sgusciate e tritate finemente

750 gr. di marmellata di pere

1 kg. di zucchero

250 gr. di castagne lessate e passate

anice o sambuca per amalgamare l'impasto

un pò di buccia di limone grattugiato

un pizzico di cannella e di testa di garofano macinate finemente

un filo di miele

zucchero a velo

un rametto di rosmarino.

 

Preparazione:


Impastare la pasta, stendere una sfoglia sottile e tagliare due dischi con un piattino da caffè. Su uno di questi mettere al centro un cucchiaino di ripieno e appoggiarvi sopra l'altro disco, premendo bene intorno al ripieno. Con un coltello fare sul bordo della pasta quattro tagli di circa 2 cm. di larghezza e piegare i lembi verso il centro. Friggere in olio d'oliva bollente, fino a quando le pasticelle si aprono come fiori. Infine metterle in un vassoio, lasciarle raffreddare, spennellarle con miele aggiungendo un pizzico di cannella e di testa di garofano macinate finemente, zucchero a velo e un rametto di rosmarino.

 

Note:

ricetta e foto di:

http://www.unacilentanaincucina.splinder.com/ Rosalba Fucciolo

 

una curiosità: le pastorelle venivano e vengono ancora oggi così chiamate perché si facevano in onore dei festeggiamenti dei fidanzamenti delle giovani in campagna

Condividi questo articolo:

Prossimi eventi

0razio Lembo . 22 Novembre 2012
In occasione del Natale 2012 torna puntuale "Mercatoinfesta", Mostra Mercato di artigianato e di sap...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
La Sagra del Fagiolo fa emergere dal passato le antiche taverne e con esse i personaggi caratteristi...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
Lungo le vie del suggestivo centro storico di Perito, un unico e intenso profumo di pietanze tipiche...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
La Transmarathon è una corsa estrema a tappe sui sentieri e sulle strade del Parco Nazionale del ...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
Durante la seconda guerra mondiale, tra il 28 ed il 29 marzo 1941 nelle acque a sud del Peloponneso,...