La leggenda della regina verde

  • Stampa

Quando i Saraceni sbarcarono ad Agropoli, portarono con sé un' unica donna che era figlia del loro capitano. Essi divennero subito i padroni assoluti di tutto il territorio circostante.

Il comandante dell’orda non aspettò molto a far incoronare se stesso re e sua figlia regina di Agropoli .

Questa donna era bellissima. Era singolare solo nel colore del volto, che era verde.

Dopo averla vista a volto scoperto, i pescatori del luogo ed i contadini la chiamarono “la Regina verde”. La donna rispondeva a tutti i corteggiatori con un netto rifiuto. Niente riusciva a far apparire sul suo volto un solo sorriso.

Un giorno, ninfa marinaperò, mentre costeggiava il mare lungo Trentova ,vide un giovane pescatore che a forza di braccia traeva a riva la sua rete piena di pesci. La Regina verde, incuriosita,si avvicinò al pescatore.

Dopo aver dato un furtivo sguardo alla pesca, la regina si pose di nuovo a cavallo e ritornò al castello.

Il suo rango non le permetteva di dare confidenza a un saraceno umile marinaio.

All’alba del giorno seguente,la giovane si recò di nuovo a Trentova in groppa al suo cavallo e qui rivide il bel pescatore al quale chiese il nome. Da quel giorno tra i due nacque l’amore e il tempo trascorreva tra corse a cavallo e romantiche passeggiate lungo la riva del mare. I ntanto l’incarnato della fanciulla diventava roseo.

Giunse l’inverno e la regina raggiungeva la capanna del pescatore aspettandolo accanto al fuoco acceso. Un brutto giorno il giovane non tornò:una tempesta lo aveva ucciso . Disperata,la fanciulla attese il suo amato per tre giorni e tre notti, quando capì che non sarebbe più ritornato rientrò al castello e si gettò dalla rupe per raggiungere il suo amore. Il

Il dio del mare ebbe pietà di lei e la tramutò in una ninfa che, da quello che narrano i pescatori, ancora oggi vive in una grotta sotto il promontorio. Quando il mare è in tempesta i gemiti della regina,disperata per la morte del suo giovane marinaio,risuonano nella grotta e riempiono di pietà i pescatori.

Condividi questo articolo: