Magliano Vetere il Monte Chianello

  • Stampa

Si parte dall'abitato di Capizzo, una piccola e caratteristica frazione di Magliano Vetere, dopo una breve visita alla Chiesa di S. Fortunato, dalIl monte Chianello particolare esterno. il sentiero che conduce al santuario di S. Mauro inizia nella parte piu alta del paese, addentrandosi nelle rocce calcaree che costituiscono I'ossatura della montagna. Lungo il percorso si osserva una folta vegetazione di lecci (Quercus ilex) e carpini neri (Ostrya carpinifoglia), quest'ultimi allo stato arbustivo, mentre solo sporadicamente si intravede qualche esemplare di acero. In alcuni punti lungo il percorso si possono vedere dei singoli a forma di croce scolpiti sulla roccia, a testimonianza della fede dei pellegrini in passato, mentre non sono rari i punti panoramici. Il sentiero termina davanti all'ingresso della Cappella S. Mauro Martire. L'edificio di epoca incerta (X sec. ) fu costruito intorno ad una grotta che custodisce una statua del Santo protettore del paese, ed alcuni affreschi in rovina risalenti probabilmente al X-XI sec. quindi sullo stesso sentiero poco più a valle del Santuario, c'è una deviazione che conduce sulla vetta denominata "Rupe di S. Mauro": qui è possibile osservare da un lato tutta l'alta valle del fiume Alento e in lontananza il Monte Gelbison, e dal lato opposto la valle del fiume Calore e i Monti Alburni. L'escursione dura circa mezza giornata.

Condividi questo articolo: