La Primula Palinuri - il fiore simbolo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Il logo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Le ciaramelle

Il territorio del Parco Nazionale del CilentoLe aree protette del Parco Nazionale del CilentoI musei del Parco Nazionale del CilentoSiti Archeologici del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di DianoItinerari del Parco nazionale del CilentoFlora del Parco Nazionale del CilentoFauna del Parco Nazionale del CilentoFigli e ospiti illustri del CilentoStoria del Parco Nazionale del CilentoMiti e leggende del Parco nazionale del CilentoProdotti tipici del CilentoRicette del CilentoTradizioni del Parco Nazionale del Cilento

Li cundi cundàti

Li cundi cundati intorno al focolare

Il "C'era una volta..." della civiltà contadina, una tradizione orale che portava in sè tutta la cultura mediterranea e si riproponeva ogni volta con il suo mondo magico-mitico, fonte di insegnamenti per i più piccini...

Vi proponiamo due favole proprie della tradizione orale cilentana.

I racconti costituivano il mezzo più immediato e fantasioso di trasmettere esperienze e insegnamenti; erano rivolti in particolare ai bambini, ma anche gli adulti spesso non disdegnavano di narrarseli, magari tutti raccolti intorno al focolare.

Il classico "C'era una volta..." non era l'unica formula per introdurre le favole cilentane, ma spesso venivano usate parole più realistiche che facessero inteneder meglio la natura reale del racconto.

Ecco che nasce il cundo cundato dalla viva voce del narratore.

 

Comare volpe e comare ballerina

(Cummari vorpe e cummari cuccipannedda)


La favola appartiene, per quanto riguarda la classificazione, al tipo "La formica e il grillo pigro". Comare volpe va da comare ballerina ("cuccipannèdda", uccello passeriforme, detto anche coditremola) e propone di seminare un campo di grano. Tuttavia quando si tratta di eseguire i vari lavori, comare volpe rimanda sempre la sua partecipazione, cosicché a lavorare è sempre comare ballerina. Questa alla fine va al mulino per macinare e fa per sé il pane, mandando via la volpe che vorrebbe andare a sua volta al mulino.
Il dialetto è quello di Guarrazzano (fraz. del comune di Stella Cilento).



Comare volpe Allora ngera cummari vorpe e cummari cuccipannèdda / eh ricette nu iuórno cummari vorpe / ricette nè cummari cuccipannè / aggiu penzata na cosa / vulimo ié a ssemmenà nu campiciéddo re rano? / eh ricette accussì ricette eh! / veramente pigliao venette l'ora ca s'avia semmenà stu ggrano / iette cummari cuccipannedda e ghiette addù cummari vorpe / nè cummari vó ricette / rece vulimo iére a ssemmenà / ah ricette aggiu penzata na cosa / ca tu lu ssìmmini / e io pò lu bbào a zappulià.


Veramente pigliao / iette cummari cuccipannedda / pigliao se mettette mbùmbiti bàmpiti mbùmbiti bàmpiti semmenào nu campiciéddo re rano / pò s'avia zappulià nó / venette ca s'avia zappulià / iette addù cummari vorpe ricette / nè cummari vó/ cheru mó s'avessa zappulià cheru ggranu zico zico / ca s'atterra... / ah sa cché aggiu penzata na cosa / ca tu lu zzappulìi / e io pò lu bbào a' mmunnà / veramente se mettette cummari cuccipannèdda / e se nne iette a zappulià lu grrano / pò venette ca s'avia

mmunnà nó / venette ca s'avia mmunnà / iette cummari cuccipannedda e ghiette addù cummari vorpe / nè cummari vó / ma cheru mó s'adda mmunnà cheru ggrano / ah aggiu penzata na cosa / ca lu mmunni tu / e poi a mmète lu mmèto io.

Veramente iette cummari cuccipannedda se mettette e mmunnào lu ggrano / quannu fure ca s'avia mète nó / iette cummari cuccipannedda e ghiette addù cummari vorpe / rece né cummari vó / ma cheru

cummari cuccipanneddaggrano s'avessa mète / ca si no pò scógna / care tuttu ppé terra / ah ricette aggiu penzata na cosa / ca tu lu mmiéti / e io lu ppiso.


Ah chesta pigliao e se lu ghiette a mmete / se lu ghiette a mmete pigliao se lu ppisào / pò iette cummari vorpe recette nè cummari cuccipanné / eh vulissi ié a lu mulino / ricette / ricette aah ricette / ch'a fatto... tuttu stu tiembo / io lu ggrano l'aggio semmenato io / io l'aggiu zappuliato io l'aggiu mmunnato / e mó a lu mulino nge vao pure io ricette / cummari cuccipannedda se mangiao lu ppane / e chera se murette re fame.



Tratto, con varianti, da:
FERNANDO LA GRECA, Il dialetto del Cilento nelle Fiabe Cilentane raccolte dalla tradizione orale. Con in appendice il testo di Federico Piantieri "Del Cilento e del suo dialetto" (1869), Centro di Promozione Culturale per il Cilento, Acciaroli, 1994.


 

La vecchia e la capra "furesta" (ostinata)

('A vecchia e 'a crapa furesta)


Una capra selvatica si chiude in casa di una vecchia che lasciava sempre la porta aperta. La vecchia ritorna e non riesce a farsi aprire. Allora corre disperata per il paese cercando aiuto, e incontra prima un leone e poi un maiale, che non riescono a scacciare la capra. Ci riesce invece un piccolo grillo: la capra, impaurita, fugge.
Il dialetto è quello di Guarrazzano (fraz. del comune di Stella Cilento).la vecchia


Ngèra na vòta na vècchia / ca rumanìa sembe la porta apèrta / iètte nu iuórno / se nge feccào na crapa furèsta / se chiurètte indo la patróna / e nnu bbulìa apré.

Allora / èra nu iuórno re maletiémbo... / sta vecchia... / se ritirào a la casa / e vulìa trase / tùppi tùppi! / chi è? / sono la padrona della casa! / e io só la crapa furèsta / tèngo sètti fila re còrna ntèsta / si nun te nne vai te rómbo la tèsta! / uh siòrta mia cume vògliu fare / cume vògliu fà sènza la casa mia / ca sta chiuvènno / uh siòrta mia...

Allora... / e caminàva chéra vecchia / quand'à unu mumèndo / re scundào... / nu... / nu leóne / nè zì / ma che è ca vai chiangènno? / eh... / m'avìa scurdàta la porta apèrta / se ng'è feccàta na crapa furèsta / s'è chiusa indo la patróna / e nnu mme vòle apré / eh mó te fazzo apré io / nun te uaità / ué zì / nun te uaità.

Veramènde / iètte nnàndi la porta / tùppi tùppi! / chi è? / sono il leone! / e io só la crapa furèsta / tèngo sètti fila re corna ntèsta / si nun te nne vai te rómbo la tèsta! / eh / lu leóne rumanètte male / e decètte / eh / nè zì / che bbuó ra me / nu mm'è bbulùto apré / eh... / uh siòrta mia cume vogliu fare!

Se mettètte a ccórre chéra vecchia e ghiètte ppé lu paèse a mmónde / cume vògliu fare / cume vògliu fare / sènza la casa mia móa / ca mme stau mbunnènno tutta quanda ca sta chiuvènno! / eh / pigliàu re scundàu nu puórco / nè zì / ma che è ca vai chiangènno? / eh / si sapìssi... / m'avìa scurdàta la porta aperta / se ng'è feccàta na crapa furèsta / s'è chiusa ìndo la patróna / e nnu mme vòle apré / mó te vèngo a fà apré io / nun te chiànge / ué zì / nun te chiànge.


la capraIètte lu puórco nnàndi la porta / tùppi tùppi! / chi è? / sono io / sono io... / io sono il maiale /io só ù puórco! / aprimi! / eh / e io só la crapa furèsta / tengo setti fila re corna ntesta / si nun te nne vai te rómbo la testa! / uuuh... / chéra povera vecchia se mettètte a chiànge / uuuh / e cume vogliu fà / e cume vogliu fà senza la casa mia móa / e cume vogliu fà!

Eh / e scappàu ppé lu paèse abbàscio / ppé bberé si truvava coccherùno ca re facìa apré la porta / eh / re scundào nu piccolo grilletto / piccolo piccolo / ricètte accussì / nè zì / ma che è ca vai chiangènno / ca curri accussì a la mbrèssa / ca càri / eh / eh / m'avìa scurdàta la porta apèrta / se ngè feccàta na crapa furèsta / e nnu mme vole apré / mó te vèngo a fà apré io! / ma che bbuó fà tu / ca sì ttàndu zìco / uillòco / che bbuó fà... / che bbuó fà / eh / nun ci anu putùto chiri ca èrano tàndu ruóssi / lu leóne / lu puórco / che bbuó fà tu! / eh / mó vengo io...

Tùppi tùppi! / iètte nnàndi la porta / tùppi tùppi! / chi è? / sono... / sono il grillètto! / e io só la crapa furèsta / tengo setti fila re corna ntèsta / si nun te nne vai ti rómbo la testa! / e io só nu grilletto / ca tengo setticiéndo fila re corna ntesta / si nu mm'àpri te sbàngo la testa / veraménde!

Iétte la crapa / s'appaurào / currètte currènno currènno a'apré la porta / e se nne scappào ppé la fenèstra / ca tenìa na fenèstra accussì / a... / iètte la vecchia / se feccàu ìndu la casa / e nu rrumanètte mai cchiù la porta aperta / e a la vecchiaia se mbarào.

Tratto, con varianti, da:
FERNANDO LA GRECA, Il dialetto del Cilento nelle Fiabe Cilentane raccolte dalla tradizione orale. Con in appendice il testo di Federico Piantieri "Del Cilento e del suo dialetto" (1869), Centro di Promozione Culturale per il Cilento, Acciaroli, 1994.

Condividi questo articolo:

Prossimi eventi

0razio Lembo . 22 Novembre 2012
In occasione del Natale 2012 torna puntuale "Mercatoinfesta", Mostra Mercato di artigianato e di sap...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
La Sagra del Fagiolo fa emergere dal passato le antiche taverne e con esse i personaggi caratteristi...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
Lungo le vie del suggestivo centro storico di Perito, un unico e intenso profumo di pietanze tipiche...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
La Transmarathon è una corsa estrema a tappe sui sentieri e sulle strade del Parco Nazionale del ...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
Durante la seconda guerra mondiale, tra il 28 ed il 29 marzo 1941 nelle acque a sud del Peloponneso,...