La Primula Palinuri - il fiore simbolo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Il logo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
farfalla

Il territorio del Parco Nazionale del CilentoLe aree protette del Parco Nazionale del CilentoI musei del Parco Nazionale del CilentoSiti Archeologici del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di DianoItinerari del Parco nazionale del CilentoFlora del Parco Nazionale del CilentoFauna del Parco Nazionale del CilentoFigli e ospiti illustri del CilentoStoria del Parco Nazionale del CilentoMiti e leggende del Parco nazionale del CilentoProdotti tipici del CilentoRicette del CilentoTradizioni del Parco Nazionale del Cilento

Li cundi cundàti

Li cundi cundati intorno al focolare

Il "C'era una volta..." della civiltà contadina, una tradizione orale che portava in sè tutta la cultura mediterranea e si riproponeva ogni volta con il suo mondo magico-mitico, fonte di insegnamenti per i più piccini...

Vi proponiamo due favole proprie della tradizione orale cilentana.

I racconti costituivano il mezzo più immediato e fantasioso di trasmettere esperienze e insegnamenti; erano rivolti in particolare ai bambini, ma anche gli adulti spesso non disdegnavano di narrarseli, magari tutti raccolti intorno al focolare.

Il classico "C'era una volta..." non era l'unica formula per introdurre le favole cilentane, ma spesso venivano usate parole più realistiche che facessero inteneder meglio la natura reale del racconto.

Ecco che nasce il cundo cundato dalla viva voce del narratore.

 

Comare volpe e comare ballerina

(Cummari vorpe e cummari cuccipannedda)


La favola appartiene, per quanto riguarda la classificazione, al tipo "La formica e il grillo pigro". Comare volpe va da comare ballerina ("cuccipannèdda", uccello passeriforme, detto anche coditremola) e propone di seminare un campo di grano. Tuttavia quando si tratta di eseguire i vari lavori, comare volpe rimanda sempre la sua partecipazione, cosicché a lavorare è sempre comare ballerina. Questa alla fine va al mulino per macinare e fa per sé il pane, mandando via la volpe che vorrebbe andare a sua volta al mulino.
Il dialetto è quello di Guarrazzano (fraz. del comune di Stella Cilento).



Comare volpe Allora ngera cummari vorpe e cummari cuccipannèdda / eh ricette nu iuórno cummari vorpe / ricette nè cummari cuccipannè / aggiu penzata na cosa / vulimo ié a ssemmenà nu campiciéddo re rano? / eh ricette accussì ricette eh! / veramente pigliao venette l'ora ca s'avia semmenà stu ggrano / iette cummari cuccipannedda e ghiette addù cummari vorpe / nè cummari vó ricette / rece vulimo iére a ssemmenà / ah ricette aggiu penzata na cosa / ca tu lu ssìmmini / e io pò lu bbào a zappulià.


Veramente pigliao / iette cummari cuccipannedda / pigliao se mettette mbùmbiti bàmpiti mbùmbiti bàmpiti semmenào nu campiciéddo re rano / pò s'avia zappulià nó / venette ca s'avia zappulià / iette addù cummari vorpe ricette / nè cummari vó/ cheru mó s'avessa zappulià cheru ggranu zico zico / ca s'atterra... / ah sa cché aggiu penzata na cosa / ca tu lu zzappulìi / e io pò lu bbào a' mmunnà / veramente se mettette cummari cuccipannèdda / e se nne iette a zappulià lu grrano / pò venette ca s'avia

mmunnà nó / venette ca s'avia mmunnà / iette cummari cuccipannedda e ghiette addù cummari vorpe / nè cummari vó / ma cheru mó s'adda mmunnà cheru ggrano / ah aggiu penzata na cosa / ca lu mmunni tu / e poi a mmète lu mmèto io.

Veramente iette cummari cuccipannedda se mettette e mmunnào lu ggrano / quannu fure ca s'avia mète nó / iette cummari cuccipannedda e ghiette addù cummari vorpe / rece né cummari vó / ma cheru

cummari cuccipanneddaggrano s'avessa mète / ca si no pò scógna / care tuttu ppé terra / ah ricette aggiu penzata na cosa / ca tu lu mmiéti / e io lu ppiso.


Ah chesta pigliao e se lu ghiette a mmete / se lu ghiette a mmete pigliao se lu ppisào / pò iette cummari vorpe recette nè cummari cuccipanné / eh vulissi ié a lu mulino / ricette / ricette aah ricette / ch'a fatto... tuttu stu tiembo / io lu ggrano l'aggio semmenato io / io l'aggiu zappuliato io l'aggiu mmunnato / e mó a lu mulino nge vao pure io ricette / cummari cuccipannedda se mangiao lu ppane / e chera se murette re fame.



Tratto, con varianti, da:
FERNANDO LA GRECA, Il dialetto del Cilento nelle Fiabe Cilentane raccolte dalla tradizione orale. Con in appendice il testo di Federico Piantieri "Del Cilento e del suo dialetto" (1869), Centro di Promozione Culturale per il Cilento, Acciaroli, 1994.

Condividi questo articolo:

Prossimi eventi

0razio Lembo . 22 Novembre 2012
In occasione del Natale 2012 torna puntuale "Mercatoinfesta", Mostra Mercato di artigianato e di sap...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
La Sagra del Fagiolo fa emergere dal passato le antiche taverne e con esse i personaggi caratteristi...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
Lungo le vie del suggestivo centro storico di Perito, un unico e intenso profumo di pietanze tipiche...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
La Transmarathon è una corsa estrema a tappe sui sentieri e sulle strade del Parco Nazionale del ...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
Durante la seconda guerra mondiale, tra il 28 ed il 29 marzo 1941 nelle acque a sud del Peloponneso,...