La Primula Palinuri - il fiore simbolo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Il logo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Le ciaramelle

Il territorio del Parco Nazionale del CilentoLe aree protette del Parco Nazionale del CilentoI musei del Parco Nazionale del CilentoSiti Archeologici del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di DianoItinerari del Parco nazionale del CilentoFlora del Parco Nazionale del CilentoFauna del Parco Nazionale del CilentoFigli e ospiti illustri del CilentoStoria del Parco Nazionale del CilentoMiti e leggende del Parco nazionale del CilentoProdotti tipici del CilentoRicette del CilentoTradizioni del Parco Nazionale del Cilento

La leggenda dei gabbiani

Narra un’antica leggenda agropolese che i gabbiani sono le anime dgabbianiei marinai morti in mare e chi li uccide o li scaccia attira su di sé l’ira del Signore. Ad Agropoli nel XVIII secolo ci fu una carestia e una grave pestilenza.

Furono uccisi in quell’occasione molti capi di bestiame, considerati portatori del virus mortale.

 

L’unico cibo non infetto era costituito dai pesci. I pescatori però, se, intenti a pescare, incrociavano barche sconosciute, rientravano repentinamente nel porto, onde evitare eventuali forme di contagio.

Vi fu poi il mare in tempesta per diversi giorni, che impedì ai pescatori di salpare e dedicarsi alla pesca, necessaria per il sostentamento della popolazione in quel periodo di penuria di cibo. Successivamente, nonostante il perdurare delle cattive condizioni meteorologiche, che rendevano pericoloso avventurarsi in battute di pescasan pietro e san paolo, i pescatori, di fronte alle drammatiche condizioni dei loro familiari che erano sul punto di morir di fame, decisero d’intraprendere lo stesso la battuta di pesca. I più giovani e forti salparono con tre barche, conservando tra le tre imbarcazioni una distanza tale da poter comunicare tra loro. Gettarono le reti, sperando in una pesca copiosa. Il loro destino era ormai segnato: un’onda tremenda travolse le barche, scaraventandole negli abissi marini. Sulla spiaggia adiacente al porto le donne aspettavano invano i loro eroici uomini. San Pietro e San Paolo assistettero alla drammatica vicenda. Provando pietà per gli sventurati marinai, li trasformarono in gabbiani, uccelli dalle splendide ali bianche, segnalatori di tempeste ai pescatori che si spingono al largo.

I gabbiani che volano sul porto di Agropoli sono le anime dei pescatori defunti e con i loro voli indicano l’arrivo di una bonaccia o di una tempesta. Essi sono uccelli docili e mansueti, cui i pescatori offrono spesso cibo, in segno di affetto e familiarità.

Condividi questo articolo:

Prossimi eventi

0razio Lembo . 22 Novembre 2012
In occasione del Natale 2012 torna puntuale "Mercatoinfesta", Mostra Mercato di artigianato e di sap...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
La Sagra del Fagiolo fa emergere dal passato le antiche taverne e con esse i personaggi caratteristi...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
Lungo le vie del suggestivo centro storico di Perito, un unico e intenso profumo di pietanze tipiche...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
La Transmarathon è una corsa estrema a tappe sui sentieri e sulle strade del Parco Nazionale del ...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
Durante la seconda guerra mondiale, tra il 28 ed il 29 marzo 1941 nelle acque a sud del Peloponneso,...