La Primula Palinuri - il fiore simbolo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Il logo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
farfalla

Il territorio del Parco Nazionale del CilentoLe aree protette del Parco Nazionale del CilentoI musei del Parco Nazionale del CilentoSiti Archeologici del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di DianoItinerari del Parco nazionale del CilentoFlora del Parco Nazionale del CilentoFauna del Parco Nazionale del CilentoFigli e ospiti illustri del CilentoStoria del Parco Nazionale del CilentoMiti e leggende del Parco nazionale del CilentoProdotti tipici del CilentoRicette del CilentoTradizioni del Parco Nazionale del Cilento

Janara

di Basilio Santòcrile


janarePer quanto riguarda le janare, la tradizione cilentana vuole che siano delle bambine nate la notte di Natale allo scoccare della mezzanotte. – Esse  avrebbero la capacità di trasformarsi in janara, una specie di folletto maligno, rassomigliante a una nana, dotata di un’irsuta pelliccia e di potenti artigli lunghi e a spatola, di sopracciglia che si congiungevano sopra il naso, e di occhi di sanguigni. Le loro mani e piedi mostravano una pelosità anormale, mentre le loro orecchie avevano un’attaccatura bassa verso la parte posteriore della testa. Possedevano inoltre una forte e sviluppata dentatura, con predominanza dei canini. La loro voce non era diversa dall’umana ma cercavano di nascondere le loro sembianze, per assumere un aspetto verosimilmente umano. Osavano attaccare specialmente i bambini in fasce, dei quali si cibavano, lasciando dei residui straziati nelle proprie culle. Cominciavano il loro fiero pasto col rompere le gambe e le braccia, lasciando viva la vittima fra atroci sofferenze; più volte hanno abbandonato dei bambini mutilati degli arti, per l’improvviso apparire di un genitori o di qualche persona adulta. Solo raramente rapivano i neonati, per farne dei fedeli servitori, “ngufenandoli” (praticamente mettendoli sotto un “cuofano”, ossia un contenitore in vimini) sul quale poggiavano dei gran pesi in modo che non crescessero e restando nani potessero svolgere solamente il ruolo di servi. (Si può affermare chefossero la versione al femminile dei lupi mannari.  – Non osavano mai attaccare un fanciullo nato nel mese di gennaio, né entrare in una casa ove questo avesse dimora. Per questo, nei tempi passati, parecchie madri lasciavano dormire i loro piccoli, con un bimbo o una bimba nati nel primo mese dell’anno. – Vi è una semplice spiegazione al perché le janare non si avvicinavano ai bambini nati nel mese di gennaio. –

- Il 25 dicembre alle ore 24 è nato il Salvatore, e quell’ora è un momento speciale in cui il flusso del tempo si è fermato, per appartenere solo a Dio, dà vita sulla terra al suo figlio diletto. Quell’ora è unica riservata è irrepetibile per la nascita del Dio, del Sommo Bene. Nell’evento in cui altra creatura nasca in quel preciso momento, non può essere espressione del bene, ma solo espressione del male, creatura non di Dio ma di Satana. È una creatura che deturpa quel sacro momento. Chi potrebbe farlo se non il maligno per mezzo di un suo essere !?! – Nel mese di gennaio ricorre l’epifania [ dal tardo latino – epiphanìa, - dal greco – epiphàneia – (festa) (apparizione)] manifestazione della divinità in forma visibile e nella tradizione cristiana manifestazione di Gesù ai tre re magi (6 gennaio). – Di conseguenza chiunque era nato nel mese di gennaio rappresentava per le janare la manifestazione del bene, dell’intoccabile del divino – Era il loro opposto quinti doveva essere sfuggito.

 

Basilio SANTÒCRILE.
Proprietà letteraria riservata di Basilio Santòcrile, viene consentita la riproduzione dei racconti
poesie detti ecc. per intero a mezzo stampa radio TV ed internet, citandone l’ autore. –
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Fax 06/99331572 –

Condividi questo articolo:

Prossimi eventi

0razio Lembo . 22 Novembre 2012
In occasione del Natale 2012 torna puntuale "Mercatoinfesta", Mostra Mercato di artigianato e di sap...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
La Sagra del Fagiolo fa emergere dal passato le antiche taverne e con esse i personaggi caratteristi...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
Lungo le vie del suggestivo centro storico di Perito, un unico e intenso profumo di pietanze tipiche...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
La Transmarathon è una corsa estrema a tappe sui sentieri e sulle strade del Parco Nazionale del ...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
Durante la seconda guerra mondiale, tra il 28 ed il 29 marzo 1941 nelle acque a sud del Peloponneso,...