La Primula Palinuri - il fiore simbolo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Il logo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
farfalla

Il territorio del Parco Nazionale del CilentoLe aree protette del Parco Nazionale del CilentoI musei del Parco Nazionale del CilentoSiti Archeologici del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di DianoItinerari del Parco nazionale del CilentoFlora del Parco Nazionale del CilentoFauna del Parco Nazionale del CilentoFigli e ospiti illustri del CilentoStoria del Parco Nazionale del CilentoMiti e leggende del Parco nazionale del CilentoProdotti tipici del CilentoRicette del CilentoTradizioni del Parco Nazionale del Cilento

Leggenda sul castello di Felitto

castello felittoSi racconta che nel castello di Felitto vivesse un Barone che tranquillizzato dall’avere ai suoi ordini un corpo di guardia numeroso abusasse del suo potere comportandosi da vero e proprio tiranno.

Tra le prerogative del suo potere c’era anche quella di esercitare lo IUS PRIMAE NOCTIS vale a dire il diritto di trascorrere la prima notte di nozze con ogni nuova sposa. La pena per chi si opponeva era un bel volo dal trabucco, un apertura che dal castello permetteva al barone di scaraventare i suoi oppositori direttamente nella profonda gola retrostante l’abitato di Felitto, dove tumultuose scorre il Calore.

Leggi tutto: Leggenda sul castello di Felitto

La leggenda della Torre di Felitto

La leggenda della Torre


La filastrocca della Torre recita così


‘Mpere ‘u paiese miu

- ‘n ‘g’ è ‘na torre,

longobarda o normanna cche nne saccio.

‘N ‘ge yamo a pazzia ra

zurieddi, a chera vecchia torr

re lo paiese miu.

Mo ‘ so ‘ restate

quatto caucirogne,

‘nu muro scapezzato,

e ‘na jecania. Uarda la vadde sulu nu pirtusu

cù nu finucchiu

e ddoie rose salovateche.

Leggi tutto: La leggenda della Torre di Felitto

La leggenda sul nome Felitto

trotaL’origine del nome Felitto è molto contrastata e come per tutti i paesi anche Felitto ha la sua spiegazione piuttosto fantasiosa, quasi inverosimile che fa piacere poter considerare se non proprio vera almeno possibile.

Leggi tutto: La leggenda sul nome Felitto

Punta Licosa

Punta Licosa rappresenta, insieme a Punta Campanella, il tratto di costa che delimita il Golfo di Salerno. Il toponimo della punta estrema e dell'isolotto accanto deriva da Leucosia, che secondo Dionigi di Alicarnasso, storico nato intorno al 60 a.C, sarebbe una cugina di Enea, morta nello stesso luogo che porta il suo nome.
Gran parte della critica è, tuttavia, concorde nel far risalire il nome Licosa ad una delle Sirene che tentò di incantare Ulisse: la piccola isola di Licosa e la punta che simboleggia il limite della terraferma, hanno dunque, come Napoli, un alone di mito che le accompagna da secoli.sirena

Leggi tutto: Punta Licosa

La baia di Trentova

Uno dei luoghi più belli di Agropoli è la baia di Trentova, meta preferita di villeggianti e turisti per le sue limpide acque e per le spiagge incontaminate. Si trova a 200m a sud dello scoglio di San Francesco e deve il suo nome a varie leggende ,una di queste dice che, in tempi remoti ,nelle grotte sottostanti lo scoglio furono rinvenute trenta uova di gabbiani.

uova di gabbiano

 

Prossimi eventi

0razio Lembo . 22 Novembre 2012
In occasione del Natale 2012 torna puntuale "Mercatoinfesta", Mostra Mercato di artigianato e di sap...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
La Sagra del Fagiolo fa emergere dal passato le antiche taverne e con esse i personaggi caratteristi...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
Lungo le vie del suggestivo centro storico di Perito, un unico e intenso profumo di pietanze tipiche...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
La Transmarathon è una corsa estrema a tappe sui sentieri e sulle strade del Parco Nazionale del ...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
Durante la seconda guerra mondiale, tra il 28 ed il 29 marzo 1941 nelle acque a sud del Peloponneso,...