Joe Petrosino - Padula

  • Stampa

Joe PetrosinoGiuseppe PETROSINO (detto Joe) nacque a Padula (SA) il 30 agosto 1860. Emigrò, giovanissimo, nel 1873 alla volta di New York col padre Prospero, sarto, e l'intera famiglia composta dalla madre, da due sorelle e da tre fratelli In un primo momento, quale primo figlio, si adattò a tutti i mestieri al fine di non gravare sul bilancio familiare;

studiò la lingua inglese, frequentando corsi serali, ed il 19 ottobre 1883 si arruolò nella polizia di New York, indossando l'uniforme da poliziotto portante sul petto una placca d'argento, col numero 285. Dopo un breve periodo di rodaggio come agente di pattuglia nella Tredicesima Avenue, comincio a scalare i gradini della gerarchia, imponendosi a tutti per i suoi sistemi di lavoro che si ispirarono a passione per il mestiere, grande fiuto, intelligenza, senso di responsabilità, alta professionalità. Il suo grande sogno e scopo della vita fu uno solo: sconfiggere la mafia, allora contraddistinta col nome di "Mano Nera".Sposato, con una figlia, compì imprese leggendarie e meritorie, guadagnandosi persino 1a stima del Presidente degli Stati Uniti, di cui era grande amico e dal quale aveva grandissima considerazione.

A trent'anni, promosso detective, passò al servizio investigativo; nel 1895 è il Presidente Roosvelt in persona a nominarlo Sergente e nel 1905, con la promozione a Tenente, gli viene affidato il comando dell'Italian Legion cioè gruppi di agenti italiani, a suo giudizio indispensabili, per combattere la "Mano Nera". Dichiarò guerra ed assicurò alla giustizia boss di alto calibro, che nessun corpo di polizia era mai riuscito a prendere, con imprese funambolesche e leggendarie, proponendosi in modo intelligente e determinato, senza mai compromettersi a nessun livello. La sua arma segreta furono i travestimenti, che gli consentirono di vivere più da vicino il complesso mondo della mafia. A lui solo viene attribuita la grande intuizione di aver capito che la mafia, in New York, aveva le sue radici in Sicilia, tant'è vero che intraprese un viaggio in Italia, diretto appunto in Sicilia, per infliggerle il colpo mortale. Fu ricevuto dal Presidente dei Consiglio Giolitti dal quale ricevette in regalo un orologio d'oro e dopo essersi fermato per qualche giorno a Padula nella sua casa natale ove c'era il fratello Michele rimpatriato, partì alla volta della Sicilia. Avviò un grosso lavoro che l'avrebbe portato a sconfiggere definitivamente la mafia, ma la sera del 12 marzo 1909, nella piazza Marina di Palermo, fu raggiunto da quattro colpi di rivoltella che lo fecero crollare, ucciso, al suolo.Mori da soldato, nel compimento del suo dovere, colpito alle spalle, al buio, a tradimento da una mano assassina che fermò il cammino del più forte e coraggioso poliziotto di tutti i tempi.

http://www.comune.padula.sa.it
http://www.joepetrosino.org
Condividi questo articolo: