La Primula Palinuri - il fiore simbolo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Il logo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Le ciaramelle

Il territorio del Parco Nazionale del CilentoLe aree protette del Parco Nazionale del CilentoI musei del Parco Nazionale del CilentoSiti Archeologici del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di DianoItinerari del Parco nazionale del CilentoFlora del Parco Nazionale del CilentoFauna del Parco Nazionale del CilentoFigli e ospiti illustri del CilentoStoria del Parco Nazionale del CilentoMiti e leggende del Parco nazionale del CilentoProdotti tipici del CilentoRicette del CilentoTradizioni del Parco Nazionale del Cilento

Gian Battista Vico - La partenza da Vatolla

Rientrato nella sua città nel 1699, risultato vincitore del concorso presso l'Università di Napoli come docente di retorica, ottiene la cattedra con lo stipendio di 100 scudi l'anno. Nello stesso anno, il 2 dicembre, sposa Teresa Caterina Destito, che gli darà ben otto figli; e dalla piccola casa di via S. Biagio dei Librai 25, si trasferisce nel vicolo dei Giganti, sempre a Napoli.

Già in Napoli nel 1701 ha ancora modo di interessarsi del suo allievo Saverio Rocca ma questa volta in modo drammatico e doloroso: il giovane era stato coinvolto nella congiura di Macchia. viene soffocata nel sangue la congiura detta della Macchia, promossa da nobili napoletani per trasformare il Regno di Napoli da provincia soggetta alla Spagna a Stato autonomo, governato da un figlio dell'Imperatore austriaco, ed il Vico la segue direttamente. Infatti egli analizza, da studioso, anche le vicende politiche e storiche a lui contemporanee, come questa stessa congiura

Avversato e criticato dai suoi contemporanei, Giambattista Vico, ha sostenuto fermamente e sempre senza cedimento o dubbio che l'uomo, come gli insegnano gli esperimenti, può conoscere a fondo solo quelle cose di qui sa ricostruirne la genesi e la formazione: "verum et factum convertuntur". Di questo mondo della storia come creazione umana, realizzata dagli uomini nei secoli, si possono e si devono cercare i principi costitutivi, le leggi che lo regolano.
Ma per rintracciare ordini e leggi, bisogna fondare una scienza nuova, la scienza della storia, "una storia ideale eterna, sopra la quale corrono in tempo tutte le variazioni nei loro porgimenti, progressi, stati, decadenze e fini". Questo l'impegno del filosofo fino alla sua morte.
La "Scienza Nuova", la sua opera fondamentale, in cui è racchiusa la sua dottrina filosofica nella sua interezza e complessità, lo ha impegnato per quasi tutta la sua vita.

Il 23 gennaio 1744, nel cortile di un palazzo dei Gradini dei S.S.Apostoli,  si rumoreggiava intorno alla bara di un professore dell'università della città. Il motivo del contendere, nato già la mattina da una discussione nella casa dell'estinto, era che, sia i professori dell'università che i componenti dell'Arciconfraternita di S.Sofia di cui il morto era sodale, si arrogavano il diritto di prevalere gli uni sugli altri, cioè reggere i fiocchi della coltre funeraria per poter camminare così in prima fila. Per questa insulsa lite i funerali che dovevano avvenire alle due del pomeriggio, alle quattro non erano ancora avviati poichè i confratelli, pensando forse di stancare i professori, arrivarono addirittura un pò dopo le quattro, ma visto che costoro erano sempre lì ripresero, in modo incivile, la loro protesta credendo di costringere i colleghi del morto a cedere il passo e ad andare avanti. E siccome poi ai confrati non andava bene nemmeno che al funerale partecipasse don Nicola Merola, amico e confessore del defunto, sproloquiando e proferendo minacce, spensero le candele e abbandonata la bara nel cortile se ne andarono. E così per i poveri familiari si aggiungeva dolore al dolore poichè si videro costretti a trasportare il corpo del defunto in casa e rimandare i funerali al giorno successivo. Ed il 24 gennaio, con la presenza dei professori, dei canonici della cattedrale e con gli onori di Conte Palatino, il funerale fu celebrato. Si chiudeva in questo modo la vita terrena di Vico, uno dei grandi ingegni dell'umanità.

 

Fonte:www.vatolla.it

Condividi questo articolo:

Prossimi eventi

0razio Lembo . 22 Novembre 2012
In occasione del Natale 2012 torna puntuale "Mercatoinfesta", Mostra Mercato di artigianato e di sap...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
La Sagra del Fagiolo fa emergere dal passato le antiche taverne e con esse i personaggi caratteristi...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
Lungo le vie del suggestivo centro storico di Perito, un unico e intenso profumo di pietanze tipiche...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
La Transmarathon è una corsa estrema a tappe sui sentieri e sulle strade del Parco Nazionale del ...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
Durante la seconda guerra mondiale, tra il 28 ed il 29 marzo 1941 nelle acque a sud del Peloponneso,...