La Primula Palinuri - il fiore simbolo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Il logo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
begonia

Il territorio del Parco Nazionale del CilentoLe aree protette del Parco Nazionale del CilentoI musei del Parco Nazionale del CilentoSiti Archeologici del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di DianoItinerari del Parco nazionale del CilentoFlora del Parco Nazionale del CilentoFauna del Parco Nazionale del CilentoFigli e ospiti illustri del CilentoStoria del Parco Nazionale del CilentoMiti e leggende del Parco nazionale del CilentoProdotti tipici del CilentoRicette del CilentoTradizioni del Parco Nazionale del Cilento

Topo Quercino

topo quercinoOrdine: Roditori


Famiglia: Glridi


Genere: Eliomys


Specie: Eliomys quercinus  

 


Viene chiamato anche Nitela.

    

 

Caratteristiche


Il topo quercino (Eliomys quercinus) è più piccolo del ghiro e raggiunge al massimo la lunghezza di 14 cm, oltre la coda che ne misura 10. La testa è rossiccia, il muso ha zone bianche e nere, la parte superiore del corpo è di colore bruno rossastra e quella inferiore bianca. La coda è nera superiormente e bianca inferiormente.


Durante il letargo molti individui dormono insieme, ammucchiati in modo da formare un gomitolo di pelo. Il loro sonno è più leggero degli altri animali soggetti a letargo invernale, e infatti appena la temperatura si fa un po' più tiepida, si svegliano, mangiano una piccola quantità di cibo accumulato per l'inverno, e ricadono in letargo appena il freddo torna a farsi sentire.

 

Diffusione


Il topo quercino vive in tutta l'Europa tranne che nelle isole britanniche e nella penisola scandinava. Si avvista anche nell'Africa settentrionale e nord-occidentale.


In Italia si trova in tutte comprese le isole.  


In Campania è presente sia nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano che in quello del Vesuvio.

 

Habitat


Popola i boschi fino ad un'altitudine di 2.000 metri.

Riproduzione

Costruisce il nido, rivestendolo di muschio, nelle fessure delle muraglie o negli alberi cavi, fra le rocce o nel terreno, altrimenti nelle tane abbandonate dagli scoiattoli e nei nidi degli uccelli.

Una o due volte all'anno la femmina dà alla luce da 2 a 6 piccoli che nascono nudi e ciechi.

 

Alimentazione

Si nutre prevalentemente di vegetali ma, talvolta, anche di uova di uccelli, di nidiacei e di piccoli mammiferi. Spesso si intrufola nei casali di montagna alla ricerca di cibo.

 


Bibliografia


Corbett & Ovenden - Guida ai mammiferi d'Europa, Murzio Editore, 1985;


AA.VV. - L'Italia dei Parchi Naturali, Fabbri, 1999.

 


Condividi questo articolo:

Prossimi eventi

0razio Lembo . 22 Novembre 2012
In occasione del Natale 2012 torna puntuale "Mercatoinfesta", Mostra Mercato di artigianato e di sap...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
La Sagra del Fagiolo fa emergere dal passato le antiche taverne e con esse i personaggi caratteristi...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
Lungo le vie del suggestivo centro storico di Perito, un unico e intenso profumo di pietanze tipiche...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
La Transmarathon è una corsa estrema a tappe sui sentieri e sulle strade del Parco Nazionale del ...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
Durante la seconda guerra mondiale, tra il 28 ed il 29 marzo 1941 nelle acque a sud del Peloponneso,...