La Primula Palinuri - il fiore simbolo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Il logo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Le ciaramelle

Il territorio del Parco Nazionale del CilentoLe aree protette del Parco Nazionale del CilentoI musei del Parco Nazionale del CilentoSiti Archeologici del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di DianoItinerari del Parco nazionale del CilentoFlora del Parco Nazionale del CilentoFauna del Parco Nazionale del CilentoFigli e ospiti illustri del CilentoStoria del Parco Nazionale del CilentoMiti e leggende del Parco nazionale del CilentoProdotti tipici del CilentoRicette del CilentoTradizioni del Parco Nazionale del Cilento

Capra del Cilento

La Capra Nera del CilentoLa Capra Cilentana è diffusa sopratattutto nelle aree della provincia di Salerno, principalmente nel territorio del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano. Gli allevamenti sono concentrati nelle zone collinari e si differenziano in base all'altitudine: quelli di alta collina, ove si ritrova maggiormente la "Cilentana Nera" e dove i pascoli sono meno produttivi e di più difficile accesso; quelli di media-bassa collina, ove è presente la "Cilentana Fulva" e la "Grigia" e dove i pascoli sono caratterizzati da una maggiore produttività e da una maggiore accessibilità. La caratteristica distintiva consiste nella migliore predisposizione delle capre Cilentana Fulva e Grigia per la produzione di latte, mentre la Nera è prevalentemente allevata per il consumo di carne. Un prodotto tipico ottenuto con il latte della capra Cilentana è il Cacioricotta Caprino del Salernitano.


Le qualità nutrizionali del latte di capra sono conosciute ed apprezzate sin dall'antichità. Nei primi decenni del '900 il latte consumato in prevalenza nelle zone rurali non era il latte vaccino, bensì quello di capra, anche perchè l'allevamento di questo ovino (che poteva essere nutrito con vegetali di scarto, foglie fresche di potatura e fieno ricavato dalle rive incolte) risultava senz'altro più economico. Il latte di capra, più digeribile di quello vaccino, ha un colore bianco intenso, che rimane anche nei formaggi freschi, per la presenza della vitamina A. Nell'area mediterranea i parti delle capre sono concentrati nel periodo primaverile e la produzione del latte comincia quando si riduce quella del latte ovino. Tradizionalmente quindi il latte caprino è impiegato in questo periodo per la produzione di formaggi misti, in cui il rapporto fra i due tipi di latte è variabile anche in funzione della composizione del gregge. La durata della stagionatura dei formaggi misti è variabile e si ottengono così formaggi freschi o stagionati, dal gusto delicato e poco marcato.


Testo tratto da "Campania è Formaggio"

Pubblicazione della Regione Campania (SeSIRCA)

in collaborazione con l'Ente Regionale Sviluppo Agricolo in Campania e con il SOLE 24 ORE

Condividi questo articolo:

Prossimi eventi

0razio Lembo . 22 Novembre 2012
In occasione del Natale 2012 torna puntuale "Mercatoinfesta", Mostra Mercato di artigianato e di sap...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
La Sagra del Fagiolo fa emergere dal passato le antiche taverne e con esse i personaggi caratteristi...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
Lungo le vie del suggestivo centro storico di Perito, un unico e intenso profumo di pietanze tipiche...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
La Transmarathon è una corsa estrema a tappe sui sentieri e sulle strade del Parco Nazionale del ...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
Durante la seconda guerra mondiale, tra il 28 ed il 29 marzo 1941 nelle acque a sud del Peloponneso,...